Dono foto Benedusi alla Biblioteca Civica

A_MARE
Fotografia di Settimio Benedusi
Imperia 2012

Un dono davvero speciale per la Biblioteca Civica di Imperia: da qualche giorno entrando in Biblioteca, al secondo piano, anche l’occhio più disattento e distratto del lettore e del visitatore viene inevitabilmente attratto e catturato dalla bella e grande fotografia di Settimio Benedusi, che è possibile ammirare collocata su un’ampia parete fino a pochi giorni fa nuda ed oggi arricchita ed impreziosita dall’immagine.

L’autore infatti, una volta conclusa la mostra realizzata nell’ambito del Raduno delle Vele d’Epoca dal Settore Beni ed Attività Culturali del Comune di Imperia, ha voluto lasciare proprio a Imperia l’oggetto chiave della rassegna.

Settimio Benedusi, imperiese illustre, insegna presso l’Istituto Europeo di Design a Milano e lega la sua attività principalmente al mondo della moda; fotografo di fama mondiale, nell’ambito di un’attività professionale non circoscrivibile in alcun confine geografico ha realizzato servizi e copertine per testate giornalistiche internazionali.

Ad Imperia ha dedicato “A_MARE” un progetto creativo inconsueto sviluppato attorno al “suo” mare; la ricerca dell’immagine – l’onda perfetta – ha visto impegnati Benedusi e il suo team un pomeriggio di luglio sugli scogli della Marina, tra folate di vento e spruzzi d’acqua, per creare una rappresentazione di grande intensità. Il risultato finale è stato un’unica grandissima fotografia in bianco e nero allestita presso la Palazzina Liberty all’interno di un impianto espositivo sobrio ma suggestivo. Benedusi ha anche curato, sempre lo scorso Settembre, un workshop fotografico a Villa Faravelli dedicato agli studenti della scuola media che hanno prodotto scatti di autentica originalità.

Così esprime il proprio sentito grazie a nome di tutta la città il Commissario Straordinario Sabatino Marchione: “Nel dono prezioso della sua opera ad Imperia, ed in particolare alla Biblioteca cittadina, si può leggere proprio quello che già la fotografia da sola è capace di raccontare: il legame forte, vivo, attuale con la città d’origine – che nel mare ha il proprio cuore – di Settimio Benedusi, un artista la cui generosità sa essere grande come grande è il suo sguardo”.