Biblioteca Civica “L. Lagorio”

 

Tanti auguri Gianni Rodari!

 

Oggi festeggiamo i 100 anni dalla nascita di uno degli autori per ragazzi fra i più letti e tradotti nel mondo, amato per la bellezza ironica e attuale della sua scrittura e apprezzato anche per la sua modernità e complessità.

Avrete senz’altro sentito parlare di almeno una delle sue opere più famose: Le avventure di Cipollino, Gelsomino nel paese dei bugiardi, Filastrocche in cielo e in terra, Favole al telefono, Il libro degli errori, C’era due volte il barone Lamberto.

Una splendida occasione per riscoprire le sue opere – non solo per bambini – che non hanno età.

La Biblioteca Civica di Imperia dedica a Gianni Rodari uno scaffale aggiornato, impreziosito dal nuovissimo Meridiano, volume di pregio che custodisce e riunisce il suo laboratorio creativo: poesie, filastrocche, favole, racconti, romanzi, saggi e articoli vari, con un prezioso quaderno di illustrazioni a colori, impreziositi dalle tavole di artisti come Verdini, Munari, Altan e Mattotti.

Per scoprire tutto su Gianni Rodari clicca qui


 

La Biblioteca Civica “Leonardo Lagorio”
Riapertura al pubblico

 

La Biblioteca civica è aperta al pubblico, nel rispetto della normativa e in sicurezza, con le seguenti condizioni:

• PIANO TERRA
IAT orario invernale: lunedì dalle 16 alle 18, da martedì a sabato dalle 9 alle 12

• SECONDO PIANO
BIBLIOTECA CIVICA orario invernale: da lunedì a venerdì 8.30/19 – sabato 8.30/13

o Prestito su prenotazione, con anticipo di almeno 2 ore, tramite mail o telefono (prestito@comune.imperia.it – 0183 701606)
o Il carrello restituzione è collocato al secondo piano
o L’ingresso alle sale è consentito fino a capienza massima di 30 persone
o L’ingresso per il prestito è ad accesso limitato 1 alla volta, con distanza di almeno 1 metro e divieto di assembramento al punto prestito
o Non è consentito toccare i libri a scaffale, salvo 2 volumi prescelti per il prestito, con tempi di scelta rapidi
o E’ attivo il servizio di ricerca bibliografica non complessa e il servizio di consultazione volumi

 

Come funziona la prenotazione? Basta telefonare oppure scrivere una mail con nome, cognome e titolo e autore del libro e data in cui si passerà a ritirare.

La restituzione? Per restituire il libro è sufficiente posarlo sull’apposito carrello messo a disposizione degli utenti al secondo piano.

Il personale è a disposizione per l’utilizzo del catalogo per la ricerca del libro da scegliere.

E’ accessibile il pit stop punto di allattamento e cambio del bambino per le mamme, al secondo piano.

Per ulteriori informazioni consultare il sito della biblioteca www.bibliotecalagorioimperia.it. o telefonare.

Per consultare il catalogo da casa cliccare sul seguente link https://www.catalogobibliotecheliguri.it/opaclib/opac/cbl/avanzata.jsp

 

Nuovo coronavirus: dieci comportamenti da seguire

 

 


La Biblioteca si trova nei locali dell’ex Palazzo di Giustizia, affacciati sulla bella piazza dedicata a Edmondo De Amicis e accuratamente ristrutturati secondo moderni criteri di fruibilità. Essa presenta un patrimonio bibliografico di circa settantacinquemila volumi, opuscoli e periodici.

Sono particolarmente curate la raccolta e l’archiviazione dei documenti sulla storia e la cultura locale, editi nel corso dei secoli XIX-XXI, utili a ricostruire il passato della Liguria di Ponente e in particolare della Provincia di Imperia.

Arricchisce il patrimonio un cospicuo fondo antico, raro e pregiato, che comprende libri a stampa del XV-XVIII secolo. Di particolare rilievo sono i “fondi” costituiti dalle raccolte di due scrittori legati alla città, Edmondo De Amicis e Giovanni Boine, che comprendono manoscritti, carteggi, prime edizioni e traduzioni delle loro opere.

Più di recente, è stata adibita la Sala dedicata a Giovanni Berio, in arte Ligustro, che accoglie parte del cospicuo e consistente prezioso e generoso dono della biblioteca, dei legni incisi e di alcune delle splendide opere del Maestro.

Nella vasta gamma di servizi bibliotecari si collocano la lettura di libri e riviste e lo studio in sede, anche con testi propri, il prestito gratuito, ricerche e documentazioni bibliografiche attraverso collezioni in costante aggiornamento. Nell’apposita sala mediateca sono possibili l’ascolto di musica e la visione di film in dvd.